guardo con attenzione a Di Maio. E Brugnaro perde quasi tutti i pezzi- Corriere.it

di Claudio Bozza

Le parole del sindaco di Milano sul cambiamento dell’ex capo politico dei Cinque Stelle. La rottura M5S e le ricadute al centro: altri addii a Coraggio Italia. Carfagna: la scissione un bene

«Guardo con attenzione a Luigi Di Maio». Poi Beppe Sala precisa: «Come guardo con attenzione ad altri». Però ieri, parlando a Verona, il sindaco di Milano non ha certo nascosto il suo interesse verso il cantiere — che qualcuno chiama dell’«area Draghi», qualcun altro del «grande centro» — inaugurato con l’uscita del ministro degli Esteri dai 5 Stelle. Citato in tutti i retroscena politici come uno dei suoi principali interlocutori, Sala chiarisce che «non ho piani elaborati con Di Maio», ma ammette: «Tra i giovani politici è uno che è cresciuto, ha fatto il suo percorso, lo guardo con attenzione. Bisogna giudicare le persone non solo dal passato ma anche dal potenziale: ha fatto degli errori? Ma quanti ne ho fatti io…». Sulla collocazione di questo contenitore Sala ha le idee chiare: «Tutti parlano del centro, ma io non so esattamente cosa voglia dire. Credo che noi non possiamo stare con una certa destra. Se ti metti al centro, poi con chi governi? Devi fare delle scelte e la nostra deve essere quella di stare chiaramente in un ambito».