Green Pass potenziato e ulteriori divieti per i no-vax

Si torna a parlare di Covid dopo un periodo di apparente calma. L’impennata di contagi fa preoccupare il governo che molto prontamente interviene sulla questione con un nuovo decreto del Ministro Speranza e di tutto l’esecutivo. In soldoni si parla di ridurre la validità del green pass a 9 mesi. Ma non solo, di inasprire le regole per chi decide di non vaccinarsi: si tratterebbe di veri e propri divieti legati alla vita sociale per proteggere chi è immunizzato. Quello che più spaventa è il periodo natalizio, momento di cene, abbracci e viaggi.

Proprio per contrastare nuovi contagi il governo sta pensando di eliminare il tampone rapido come strumento per richiede il greenpass (troppo poco approssimativo) e di ridurre la validità portandola a 48 ore del test molecolare. Al limite accettare l’antigenico ma con validità max 24 ore. Il decreto introdurrà anche l’obbligo di richiamo per il personale sanitario e i lavoratori che entrano nelle Rsa. Riguardo i no-vax la linea del governo è dura: bar, ristoranti, cinema, teatri e tutti i luoghi al chiuso potrebbero essere inaccessibili per chi non è vaccinato.

Al ministero della Salute lo ritengono “inevitabile”. A riguardo il Ministro della Salute Speranza, ha detto: “Rischiamo di vanificare gli…