Governo Meloni flat tax su reddito incrementale bocciata

Il Consiglio dei ministri è convocato per le 17 di lunedì 21 novembre per approvare la manovra economica: un pacchetto da 32 miliardi la maggior parte dei quali servono per contro il caro energia. Insomma si tratta di passi obbligati per la premier Giorgia Meloni e per il suo governo. Probabilmente il tempo per mettere in pratica le promesse elettorali verrà in futuro. Meloni ha spiegato ai suoi ministri che la situazione non consente né fuochi d’artificio né errori.

“Adesso la nostra priorità è affrontare l’emergenza e dare all’Europa e ai mercati un segnale di stabilità e responsabilità”, ha detto Giorgia Meloni, come riporta il Corriere della sera. Quindi niente “azioni spericolate”, “non ci sono le risorse, non c’è tempo e non possiamo sbagliare. Siamo arrivati da 30 giorni e abbiamo poco più di un mese per approvare la manovra”. Sono tanti i punti che verranno toccati dalla manovra a partire dalle bollette e dalle tasse sul lavoro, passando per flat tax, reddito di cittadinanza, pensioni, iva e cartelle fiscali.

Leggi anche: Condono fiscale, la decisione del governo: chi non deve pagare, chi la metà

Governo Meloni, flat tax su reddito incrementale bocciata

Su Repubblica viene effettuato il punto della situazione. E allora andando con ordine,…