Gomorra 5, intervista al regista e agli autori della serie

Gomorra, tempo di resa di conti. L’epopea criminale nata da un’idea di Roberto Saviano e tratta dal suo omonimo romanzo inaugura la sua stagione conclusiva. A partire dal 19 novembre va in onda su Sky il quinto atto che promette lo scontro finale tra Gennaro Savastano (Salvatore Esposito) e il redivivo Ciro Di Marzio (Marco D’Amore), quest’ultimo protagonista del film midquel L’Immortale.

Per tutti noi che ci abbiamo lavorato, Gomorra è stata un’esperienza segnante” commenta il regista Claudio Cupellini, dietro la cinepresa della quinta stagione insieme al protagonista Marco D’Amore, tracciando un bilancio di questi otto anni. Citando Francesca Comencini, tra le registe storiche della serie, Cupellini afferma: “Non può non esserci un prima e dopo Gomorra”.

Per raccontare l’atto finale abbiamo voluto tornare alle origini dell’amore e dell’odio tra Genny e Ciro” afferma Maddalena Ravagli, che con il marito è head writer della serie, e aggiunge: “Questa stagione è stata come una seduta di psicoanalisi di due personaggi che per noi sono reali, oltre che ispirati a persone veramente esistite”.

continua a leggere dopo la pubblicità

Quanto al futuro della saga, gli sceneggiatori non si sbilanciano. Nonostante il successo internazionale…