Gomorra 5, intervista a Salvatore Esposito e Ivana Lotito

Torna Gomorra e il suo protagonista è più depresso che mai. Dopo che la guerra tra il clan Levante e Patrizia ha disseminato distruzione per tutta Napoli, Gennaro è costretto alla latitanza, allontandosi dalla moglie Azzurra e dal figlio Pietro. Per sfuggire alle autorità, Genny può contare sull’aiuto di Don Angelo detto ‘O Maestrale, il misterioso boss di Ponticelli che potrebbe riconsegnare Secondigliano nelle mani di Savastano.

È un Don Gennaro stanco, depresso, visibilmente appesantito dalle battaglie che ha combattuto lungo tutti questi anni. Più simile che mai a Tony Soprano, il mafioso televisivo che tre decenni fa ha portato i gangster sul piccolo schermo, Genny è un boss in cerca di autore. “Gennaro ha perso la moglie e il figlio, e ancora una volta ne esce sconfitto come dopo l’Honduras, dopo la morte della madre o gli omicidi del padre e di Ciro” racconta Salvatore Esposito. “Giunto a questo punto” afferma Esposito “l’unica cosa che gli interessa è proteggere le due persone che ama, Azzurra e Pietro”.

Quanto ad Azzurra, la sua vita è capovolta di nuovo senza che lei venisse interpellata, ritrovatasi a crescere il figlio Pietro da sola. “Lei vorrebbe un’esistenza normale per il figlio, ma conosce bene il mondo di Gennaro perché è…