Giustizia, «riforme figlie della responsabilità». E Cartabia ringrazia tutti i partiti- Corriere.it

di Giovanni Bianconi

Il via libera alla relazione sulla giustizia in Parlamento. La ministra: un’esperienza che vorrei continuare. Tutte le mie energie per accelerare sul Csm

«Sappiamo bene quanta fatica e disponibilità è stata chiesta a tutte le forze politiche per trovare un terreno su cui convergere. Queste riforme sono figlie del contesto straordinario in cui sono nate: di un governo sostenuto da una maggioranza amplissima, di “unità nazionale”, con sensibilità al suo interno molto distanti tra loro. È anche la sua ricchezza». Parla di giustizia Marta Cartabia, la Guardasigilli del governo Draghi. Illustra al Parlamento gli interventi compiuti e quelli ancora in cantiere; compreso il difficile e ancora indefinito capitolo che riguarda il Consiglio superiore della magistratura, divenuto cruciale dopo il conflitto con il Consiglio di Stato: «Continuerò a spendere tutte le mie energie per accelerare il corso di questa riforma e sollecitarne l’esame da parte dei competenti organi del governo», promette la ministra.

Tuttavia alla vigilia dell’elezione del nuovo presidente della Repubblica, le parole di una donna delle istituzioni il cui nome compare negli elenchi dei candidati sia al Quirinale che a palazzo Chigi qualora il premier traslocasse,…