Germania verso la recessione, caro gas e Nord Stream pesano sul Pil: -0,4% nel 2023- Corriere.it

La crisi del gas manda in recessione l’economia tedesca, che dovrebbe iniziare a riprendersi solo nella prossima primavera. Nonostante un calo nella seconda metà dell’anno in corso, il Pil tedesco dovrebbe espandersi nel 2022 dell’1,4%. Per il 2023, ci si attende un calo dello 0,4% in media annua, per poi aumentare dell’1,9% nel 2024. Lo hanno annunciato in conferenza stampa a Berlino i responsabili dei maggiori istituti economici tedeschi, Ifo-Ifw-Iwh-Rwi. Il forte aumento dei prezzi del gas fa volare i costi dell’energia ed è accompagnato da una massiccia riduzione del potere d’acquisto per l’economia nel suo complesso. La produzione economica del 2022 e del 2023 sarà inferiore di 160 miliardi di euro rispetto a quanto previsto in primavera. È inoltre probabile che il tasso di inflazione aumenti ulteriormente nei prossimi mesi. Il tasso di inflazione nel 2023 arriverà all’8,8% . Solo nel 2024 si raggiungerà di nuovo gradualmente la soglia del 2%.

Inflazione al 10%

Il tasso di inflazione in Germania è schizzato al 10% a settembre dal 7,90% di agosto, il livello più alto da quando il tasso ha raggiunto il massimo storico di circa l’11,0% nel 1951 e ben al di sopra delle aspettative del mercato del 9,4%, secondo una stima preliminare. I prezzi al…