Genova, addio a Giovanni Meriana, il professore-assessore che aveva il dono della meraviglia- Corriere.it

di Matteo Muzio

Aveva 90 anni, fu tra i cantori dell’Alta Valle Scrivia. Tra le sue opere «Andalò da Savignone» e «I Cereghino»

Faceva parlare tutti, il professor Giovanni Meriana, scrittore e storico scomparso a Genova all’età di 90 anni. Non soltanto nel caso delle fonti d’archivio contenuti nei numerosi archivi parrocchiali dell’Alta Valle Scrivia e della Val Borbera, ma anche con tutta una serie di elementi parte del paesaggio umano di quello che compone la cosiddetta area dell’Oltregiogo genovese, una cintura di monti a cavallo tra Liguria e Piemonte, fino agli anni ’60 dimenticata dalla storiografia ufficiale.

Meriana, all’epoca professore di storia e geografia in una scuola genovese, iniziò a interessarsi di quel territorio che lo aveva visto nascere nel 1932 nel comune di Savignone, in una famiglia numerosa ma benestante, dove però aveva dovuto passare i difficili anni della Seconda Guerra Mondiale. Suo padre aveva nascosto una famiglia ebrea in soffitta per sottrarla alla persecuzione nazifascista, senza particolare slancio ideologico. Perché «era una scelta di dignità» avrebbe poi detto Meriana anni dopo.

Dopo essersi laureato prima in lettere e poi in geografia ed essere diventato insegnante di numerosi studenti genovesi, Meriana…