Gelmini: “Da Draghi nessun ritardo sul Pnrr. Il governo non ha alibi: tocca a Meloni”

Mariastella Gelmini, le leggiamo alcune frasi della premier Meloni: “Draghi non voglio criticarlo ma sul Pnrr…”. Lei ha fatto parte di quel governo. Oggi è vicesegretaria e portavoce di Azione. Facciamo trasparenza, come dicono quelli bravi. E’ vero che avete lasciato Palazzo Chigi e pure il lavoro indietro? “Non scherziamo! Il governo Draghi è stato sfiduciato a luglio, pochi giorni dopo il conseguimento di tutti gli obiettivi del primo semestre. E questo ha fatto sì che l’Italia ricevesse la seconda rata da 21 miliardi di euro, dopo i 45,9 miliardi ricevuti in precedenza. E ciononostante l’esecutivo ha continuato a lavorare, in particolare proprio per il Pnrr”. Lo vuole dire? “Lo dico. E’ l’ora che i nuovi ministri si assumano le loro responsabilità”.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri tutte le soluzioni
OPPURE