“Frenata vaccino covid era attesa”


“C’era da aspettarsi la frenata del vaccino. Per fortuna c’è stata la frenata, perché significa che i controlli vengono fatti bene. Bisogna rispettare i tempi della scienza, gli annunci a volte fanno più male che altro. In Cina e in Russia ci sono vaccini che non hanno completato l’iter della sperimentazione”. Sono le parole della professoressa Ilaria Capua, direttore dell’UF One Health Center, a Di Martedì. “Ci sono 200 aziende ed enti che stanno lavorando sui vaccini e molti gruppi stanno lavorando sui farmaci. Il problema clinico verrà messo sotto controllo”, afferma.


Si parla dell’ipotesi di ridurre la quarantena. “La quarantena serve a isolare la persona contagiata per evitare che contagi altri individui. La stragrande maggioranza della carica virale viene eliminata in una finestra ben precisa. Man mano che i giorni passano, la quantità di virus viene ridotta. In Francia, si ritiene che il grosso venga eliminato nella prima settimana. Si tratta di contemperare necessità oggettive della popolazione e la necessità di controllare la malattia. L’Oms già a metà giugno diceva che una persona infetta poteva considerarsi fuori dalla quarantena dopo 10 giorni….