Francesco Rosi, i diari inediti e gli omaggi dell’Accedemia e della Federico II

Mezzogiorno, 17 novembre 2022 – 14:34

Avrebbe compiuto un secolo di vita il regista che ha inventato il cinema d’inchiesta, tornano in sala i suoi capolavori

di Stefano de Stefano

Francesco Rosi avrebbe compiuto 100 anni, un secolo dalla nascita in «un ultimo piano pieno di luce, dove abitava la famiglia di mia madre, nel rione Montecalvario, a pochi passi dal Teatro Nuovo».


Proprio come racconta lo stesso regista napoletano scomparso nel 2015, nelle prime righe di “Francesco Rosi. Diari. Da Salvatore Giuliano a Carmen: il cinema della ragione” (1961-1984), un libro curato da Maria Procino e pubblicato per l’occasione dalle edizioni La Nave di Teseo. Un volume che è parte importante delle celebrazioni napoletane dedicate a questo anniversario. All’Accademia di Belle Arti con la mostra di foto scattate sul set di “C’era una volta” con materiali provenienti dal Fondo Frontoni di proprietà del Museo Nazionale del Cinema, cui è seguita la proiezione al Filangieri ,alla presenza di Carolina Rosi, dello stesso film ispirato alle novelle del Basile e qui riproposto nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna.

Venerdì l’appuntamento è fissato invece nell’Aula Pessina dell’Università Federico II, dove…