Fontanini (Aoup): “In cancro polmone fondamentale diagnosi molecolare”

Nella lotta al cancro, sulla diagnosi molecolare Ngs (Next generation sequencing) “non possiamo più prescindere. Dobbiamo dare dei nomi alle neoplasie, ma anche una serie di informazioni”. Nel caso del tumore al polmone “non solo per predire la risposta al trattamento della malattia avanzata, che è ancora il 60-70% dei casi, ma anche per capire le modalità di intervento, le procedure. La Tac rileva infatti noduli già presenti. Noi dobbiamo essere in grado, per uno screening davvero utile, di identificare biomarcatori, cellule o Dna tumorale circolante. Questo è un obiettivo importante”. Lo spiega Gabriella Fontanini, professore ordinario presso il Dipartimento di Patologia chirurgica, medica molecolare e dell’Area critica dell’Università di Pisa e direttore del Centro clinico toracico dell’Aoup, intervenendo oggi a Roma alla presentazione del documento operativo di indirizzo politico (Policy brief) per garantire il diritto alla salute dei pazienti con tumore al polmone. Un evento organizzato da FB & Associati, che ha coinvolto i massimi esperti e le realtà più rappresentative del settore ed è stato realizzato con il contributo non condizionante di Pfizer.

“A Pisa – sottolinea Fontanini – abbiamo il centro con anche l’ambulatorio…