«Finalmente ricomincio a respirare»- Corriere.it

di Giusi Fasano inviata a Tempio Pausania

La ragazza che li ha denunciati si isolata e ha cambiato casa. L’avvocata Bongiorno: come se fosse uscita da un’apnea ma traumatizzata e molto sofferente: C’ chi si permette di pubblicare il suo nome e renderla identificabile

E adesso come ti senti? Sei sollevata? Arrabbiata?. L’avvocata Giulia Bongiorno le parla al telefono mentre corre verso l’aeroporto di Olbia. Le spiega che questo primo passo andato, ce l’ha fatta. Dall’altra parte c’ silenzio, un sospiro e poi lei che risponde: Avvocato, io oggi finalmente ricomincio a respirare.
Non ragazza di troppe parole, Silvia. Ci voluta tutta la fiducia del mondo per sedersi davanti alla sua legale e raccontare i dettagli della violenza di gruppo che giura di aver subito. Ieri, sapere che hanno creduto a lei e non a loro — ai quattro ragazzi accusati e rinviati a giudizio — stato come uscire dall’apnea in cui l’aveva costretta la tensione di questi mesi.

Traumatizzata e sofferente

L’avvocata Bongiorno racconta di una ragazza traumatizzata, molto sofferente che vive ogni giorno come se avesse accanto perennemente la sensazione fisica di quello che le successo, una specie di compagna quotidiana. Non pi a casa sua, non frequenta pi molti dei vecchi…