Festa della Toscana, Mazzeo rende omaggio a Gregory Summers

“Dal braccio della morte, all’abbraccio di Cascina”. È la scritta incisa sulla lapide della tomba di Gregory Summers, giustiziato in Texas nel 2006 e sepolto, per sua volontà, a Cascina (Pisa). E sulla sua tomba, il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Antonio Mazzeo, si è recato questo pomeriggio per la deposizione di un fiore e lasciare una copia della Costituzione, dando con questo gesto il via alle celebrazioni pomeridiane per la Festa della Toscana, istituita per ricordare le riforme leopoldine che nel 1786 portarono il Granducato di Toscana, primo stato al mondo, ad abolire la pena di morte.

“La Toscana è sempre stata terra di diritti e di opportunità e Gregory Summers ha scelto, come ultimo desiderio in vita, di essere sepolto a Cascina. Lo ha fatto perché la nostra è stata la prima regione al mondo nel 1786 ad abolire la pena di morte e lo ha fatto perché con gli studenti della scuola media di Navacchio ha avuto un lungo scambio epistolare. Il messaggio che vogliamo mandare oggi è che qualunque Stato al mondo non deve più applicare la pena di morte, perché non c’è giustizia se si commette in nome della giustizia un altro crimine”.

“Gregory Summers – ha concluso il presidente Mazzeo – è la…