Ferragni e coerenza. Il web non dimentica

La coerenza è un concetto che richiede tempi troppo dilatati per la velocità con la quale, per avere successo sui social, bisogna innescare la marcia. E la memoria dei follower a volte è troppo corta. Così, può capitare che oggi tu sventoli la bandiera del PDL e domani ti sposi un comunista col Rolex. Ilary e Totti insegnano che un Rolex può non essere per sempre, ma i comunisti da scansare sono un po’ più complicati.

Fatto sta che “verba volant, screenshot manent”. E c’è chi, giustamente, dopo le incursioni in politica dell’influencer italiana più famosa nel mondo, Chiara Ferragni, ha voluto ricordarle quando, prima di attaccare Salvini e Meloni, in posa per i selfie, si metteva, con gli amici, davanti ai bandieroni di Silvione.

Sgamata da Mow Magazine che riporta un’immagine classica da cenone elettorale, la neo icona di sinistra, che si è beccata pure l’Ambrogino d’oro da Beppe Sala, sorride e si selfa in uno scatto che tutto farebbe pensare tranne che oggi avrebbe fatto la compagna, sparando a zero sui candidati alle prossime elezioni.

Aprite il cervello

Nel post intitolato “apriteilcervello”, in un profilo che si dichiara con sfrontata e libera evidenza “antifascista, antirazzista e support Lgbt+”, non ha timore di segnalare…