FAUSTO LEALI/ “Elogio a Mussolini? C’è stato un fraintendimento. Razzista? No una leggerezza su ‘negro’”

“Non si dica che Fausto Leali è razzista perché è un’eresia”. Sono queste le parole del diretto interessato, Fausto Leali, in un’intervista del 22 settembre all’Adnkronos, il giorno dopo la notizia della sua squalifica dal Gf Vip 5 per aver usato un’espressione ‘razzista’. “Ho sbagliato perché ho utilizzato con leggerezza un termine, ‘negro’, che ha assunto una connotazione dispregiativa”, ha ricapitolato lui all’inizio delle dichiarazioni, specificando inoltre che non aveva alcuna intenzione di offendere. “La verità è che io ho passato tanto tempo con musicisti afroamericani con i quali ho sempre scherzato utilizzando quel termine come fossi uno di loro”.

Enock Barwuah, invece, è parso non gradire questo modo di parlare, e si è permesso di riprenderlo educatamente, ma in maniera ferma e argomentata. Leali ha apostrofato ‘negro’ proprio il fratello di Mario Balotelli, con cui fino ad allora aveva avuto un bellissimo rapporto. “Giocavamo e scherzavamo spesso insieme”, precisa ancora il cantante. Il verdetto, comunque, lo accetta senza troppi rimpianti, contento di tornare dalla sua famiglia dopo giorni trascorsi in un contesto a cui non si era più di tanto adattato.

Fausto Leali: “Non volevo offendere….