esperto, ‘pochi estremismi politici in cortei Milano, vince chi urla di più’

“Una piazza trasversale, ma non politica che risponde a chi grida di più”. A Milano il mondo dei ‘no green pass’ è fatto di opposti, di realtà organizzate agli antipodi, ma soprattutto di gente comune e per questo “imprevedibile e ancora più pericolosa”. A spiegarlo all’Adnkronos è un uomo che, da anni, monitora il fenomeno e lavora per evitare gli scontri.  Il suo è un occhio analitico e profondo sui movimenti più estremisti presenti a destra o a sinistra della politica.

“Milano non è come a Roma: qui i movimenti di Casapound e Lealtà Azione non si sono mai affacciati. Forza Nuova a Milano non esiste più: hanno fondato ‘Il movimento nazionale – la Rete dei patrioti’, completamente dissociato da Fiore e quindi a parte qualcuno che è venuto a buttare un occhio le prime volte a luglio e agosto – senza fare i cortei – non hanno mai preso parte a queste manifestazioni non autorizzate”.  A settembre è stato indagato anche Marco Mantovani, ex noto forzanovista, ma “rappresenta se stesso. Dire che in piazza c’è Forza Nuova è un po’ una forzatura”. 

Numeri contenuti anche per l’area antagonista-anarchica, “componenti del centro sociale di via Gola ad esempio”, ma anche in…