ESCLUSIVO ADNKRONOS – Strage Bologna, Fioravanti e Mambro: “Noi innocenti, Conte segua le indicazioni di Mattarella”


Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, in una lettera aperta all’Adnkronos in occasione del quarantesimo anniversario della strage di Bologna, tornano a dichiararsi innocenti, offrono il loro contributo alla verità e ricordano l’invito del Capo dello Stato Sergio Mattarella, “Presidente di tutti gli italiani”, a scandagliare ogni elemento che possa contribuire all’accertamento dei fatti. Nella lettera viene evidenziato il valore dei documenti della stazione di Beirut dei servizi segreti, carte ritenute ‘ininfluenti’ dagli inquirenti ma che potrebbero offrire su un “vassoio d’argento” il movente della strage. I due ex Nar rimarcano poi l’importanza della scoperta in una bara dei resti della possibile, “misteriosa”, 86ma vittima sottolineando che dall’esame del Dna si potrebbe ottenere una prova scientifica, forse relativa alla persona che quel 2 agosto del 1980 “portava un pacco di esplosivo”.


Questo il testo integrale della lettera aperta inviata all’Adnkronos da Valerio Fioravanti e Francesca Mambro: “Avevamo letto sul sito dell’Adn che Mattarella, a Bologna, il 30 luglio, aveva ribadito ‘l’esortazione, la sollecitazione a sviluppare ogni impegno per la verità, con ogni elemento,…