Elezioni 2022, Tarchi: «Il Pd crollato dopo anni di mistura insapore. A destra addio moderati»

27 settembre 2022 – 07:25

Il politologo: «La pandemia, l’inflazione e il caro bollette hanno alimentato il malumore forte verso la classe politica, sentita dal cittadino come altro da sé»

di Mauro Bonciani

Professor Marco Tarchi, partiamo dall’astensione, mai così alta, anche in Toscana: la politica che non sa più parlare alla gente? O le cause invece sono altre, come questa campagna elettorale anomala?


«I fattori sono molti, e i due che lei indica sono fra i più significativi. Certamente, il lungo periodo pandemico e le previsioni fosche per il futuro fra inflazione, caro bollette e razionamenti energetici hanno contribuito ad accrescere il malumore verso la classe politica, sentita come qualcosa di “altro da sé” su cui il cittadino comune non ha nessuna possibilità di influire».

A questo punto la politica può fare qualcosa per invertire la rotta?

«Non mi sembra facile prevedere cambiamenti. Resta un fatto: l’espansione dei social media e l’uso sempre più ossessivo di cellulari e chat per interessi puramente personali sottrae, soprattutto ai giovani, il tempo che sino a pochi anni fa si usava per prestare attenzione a strumenti — come giornali, tv, radio — che alla politica dedicano molto più spazio. E…