Edoardo Artaldi, il manager italiano che Djokovic accusa per l’errore nel modulo di ingresso in Australia- Corriere.it

Edoardo Artaldi conosce Novak Djokovic dal 2009 ed con lui da quando sbarcato in Australia. Viviamo assieme 24 ore su 24. Il n.1 di tennis sembra attribuire a lui l’errore nella compilazione del modulo con gli spostamenti in cui mancava il viaggio in Spagna

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
PARIGI — Tra le persone che hanno condiviso i momenti complicati di Novak Djokovic in Australia c’ l’agente italiano Edoardo Dodo Artaldi con la sua partner Elena Cappellaro, gli unici a essere rimasti nell’quipe del campione serbo anche dopo la rivoluzione da lui decisa nel 2017.

Artaldi ha conosciuto Djokovic nel 2009, quando lui lavorava per la Sergio Tacchini e il tennista era quarto nella classifica Atp. Artaldi concluse un contratto di sponsorizzazione con Djokovic, sapevamo che aveva le potenzialit per diventare numero uno, cosa che accadde appena due anni dopo.

Quando poi Djokovic ha lasciato il brand Sergio Tacchini per un altro sponsor, Artaldi lo ha seguito diventando il suo manager e uomo di fiducia: una relazione professionale che ormai anche personale. Praticamente viviamo assieme 24 ore su 24 e sette giorni su sette – ha detto tempo fa Artaldi al canale italiano della radio australiana Sbs —. Cerchiamo di essere il pi professionali possibile ma il rapporto ormai …