“Ecco perchè volevo cremarla”/ Il giallo delle chiavi

Sebastiano Visintin, il marito di Liliana Resinovich, torna a parlare davanti alle telecamere. Quest’oggi il programma di Canale 5, Mattino 5, è andato a intervistare presso l’abitazione dello stesso, il compagno della donna trovata senza vita in quel di Trieste negli scorsi giorni, dopo essere sparita da casa a metà dicembre. Sebastiano Visintin avrebbe voluto cremare la moglie ma la famiglia della defunta si è opposta: “Volevo che venisse cremata – ha spiegato ai microfoni del programma di casa Mediaset – perchè alcuni anni fa, vivendo e scherzando, era un periodo che non stavo tanto bene, le avevo detto ‘Lilly se dovesse succedermi qualcosa vorrei essere cremato e le ceneri disperse’, lei mi fa ‘anche io voglio questo’”, parlando con la voce rotta dall’emozione e portandosi le mani al volto.

Si è poi parlato delle chiavi di casa che sono state trovate addosso a Liliana Resinovich dopo che ne è stato rinvenuto il cadavere, e su questo aspetto il marito si è un po’ incartato: “Io non ho detto che è andata fuori con le chiavi – spiega Sebastiano Visintin – ho detto che è andata fuori, ma siccome hanno trovato le chiavi…