ecco le nuove regole Ue- Corriere.it

L’Unione europea sta cercando una soluzione per consentire alle aziende europee di procedere ai pagamenti per le forniture di gas dalla Russia, senza violare le sanzioni. Il divieto di pagare in rubli resta. Ma le societ, una volta versata la somma in euro o in dollari, con una dichiarazione pubblica potranno considerare rispettati i loro obblighi contrattuali con Mosca. A quel punto, la conversione in rubli un passaggio che riguarder soltanto la Russia.

Il decreto di Putin

l problema sorto il 31 marzo scorso, quando il Cremlino ha varato un decreto che obbligava le aziende europee ad aprire due conti per acquistare il gas: uno in euro e uno in rubli. Il decreto di Putin afferma che il pagamento completato solo una volta che i rubli passano dal secondo conto di Gazprombank a Gazprom stessa. L’ordinanza per non precisava la tempistica per il cambio di valuta e coinvolgeva direttamente la Banca centrale russa, colpita dalle sanzioni dell’Occidente. Tutti elementi che, secondo Bruxelles, avrebbero portato a una violazione delle sanzioni contro Mosca.

Il compromesso

Bruxelles ha spiegato che i pagamenti potevano essere eseguiti esclusivamente in euro o in dollari, senza per mai fare riferimento ai rubli. Una risposta che a molti Paesi…