ecco cosa farà Meloni- Corriere.it

Onorevole Maurizio Leo, responsabile del Dipartimento Economia di Fratelli d’Italia, l’Ue vi concede il termine di fine novembre per presentare il progetto di Bilancio, ma il governo è ancora da formare. Come vi state organizzando?
«Cominceremo col vedere la Nota di aggiornamento al Documento di economia e Finanza (Nadef) che il Tesoro dovrebbe presentare domani (oggi per chi legge, ndr ). Sarà la nostra base di partenza. Di certo, dal documento di aprile a oggi, di acqua sotto i ponti ne è passata: l’inflazione, il rialzo dei tassi, il caro-energia…».

Sta mettendo le mani avanti?
«Guardo i fatti. Dalle agenzie di rating, come Fitch e S&P, alle istituzioni finanziarie, come l”Ocse, c’è chi prevede un Pil in crescita e chi in recessione».

Lei cosa prevede?
«Io spero che ci sia almeno una crescita dell’1% o appena sotto».

Con un dato di Pil così risicato e lo spread già sotto pressione, pensa ci sia spazio per uno scostamento di bilancio?
«No. Con un Pil basso e un debito già al 150%, arriverebbero i fondi speculativi a metterci in difficoltà».

Quindi la parola d’ordine è «prudenza»?
«Sì, ma con alcune priorità: la prima è il caro-bollette. Il decreto Aiuti Ter va convertito assolutamente e…