Draghi attacca Salvini, Meloni e Conte: “Serve coerenza internazionale”

Mario Draghi dice che andrà a votare, “ed è importante che tutti gli italiani ci vadano”, ma non rivela per chi (“è segreto”, risponde con una risata alla domanda del Foglio). In compenso, in una conferenza stampa dagli inediti toni iper politici, sembra indicare di sicuro i partiti su cui non scommetterà. Più di tutti ce l’ha con la Lega di Matteo Salvini, che qualche ora prima in Cdm ha votato contro il provvedimento sulle concessioni balneari. Primo affondo: “Con il dl Aiuti ter abbiamo stanziato 14 miliardi di aiuti che sommati ai 17 del decreto precedente fanno 31: come uno scostamento di bilancio, no?”. Caramelle in confronto alla stoccata sulle ombre russe in Italia: “La nostra democrazia è forte, anche se c’è stata un’opera sistematica di corruzione in questi anni. Siamo più forti dei pupazzi prezzolati e anche di chi parla di nascosto con Mosca e poi chiede di togliere le sanzioni a Putin”. 

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi…