Dopo l’ondata di dimissioni, cambierà qualcosa al vertice del governo ucraino?

Il governo ucraino ha confermato martedì le dimissioni di numerosi funzionari di alto rango in seguito ad accuse di corruzione su larga scala, in quello che viene definito il più grande scandalo dall’inizio dell’invasione russa.

Circa una dozzina di funzionari hanno lasciato i loro incarichi dopo un’enorme scossa politica per le accuse e le indagini su casi che vanno dalla corruzione, alla cattiva gestione dei fondi di aiuto per l’acquisto di cibo, all’appropriazione indebita, alla guida di auto costose mentre la gente comune soffre in condizioni di guerra.

Un consigliere presidenziale di alto livello e quattro viceministri – tra cui due funzionari della difesa, insieme a cinque governatori regionali – sono stati costretti a lasciare i loro incarichi. Tra i governatori regionali che si sono dimessi ci sono anche funzionari che sovrintendono a regioni che hanno visto intensi combattimenti, tra cui le regioni di Zaporizhzhia e Kherson, dove le forze russe hanno recentemente riportato guadagni.

In riferimento all’annuncio di un alto funzionario del governo, Oleg Nemchinov, i rapporti internazionali riportano la seguente lista:

  • Vice procuratore generale Oleskiy Symonenko
  • Vice Ministro per lo Sviluppo delle Comunità e dei Territori Ivan…