Dieta, Pasta lunga, corta o riso? Ecco Quale formato fa ingrassare di più e quale di meno. Parla l’esperta

Se volete inserire la pasta o il riso nel vostro regime alimentare sappiate che non tutte sono uguali. Non è solo la composizione della pasta a fare la differenza, ma anche la sua forma come spiega la biologa nutrizionista Annalisa Gemelli. Gli spaghetti hanno ad esempio un basso indice glicemico rispetto alla pasta corta. “Gli spaghetti ad esempio – spiega la Gemelli – hanno un indice glicemico più basso di lasagne, ravioli o pasta corta, in quanto il processo di pastificazione che prevede l’estrusione della pasta determina la formazione di una pellicola protettiva, che contribuisce a rallentare la gelatinizzazione degli amidi durante la cottura e quindi la loro digestione”.

Quindi meglio i formati di pasta lunghi che quelli corti per restare in forma! Ma che dire invece del riso? Fa davvero dimagrire? Per le nostre nonne il riso in bianco è la panacea di quasi tutti i mali: dai disturbi gastrointestinali al raffreddore, questo semplice piatto condito con olio e parmigiano ha il potere di rimetterci al mondo. Grazie al dilagare dell’amore per il sushi, poi, è diventato un fashion food a tutti gli effetti, ma siamo sicuri che faccia davvero bene?

LEGGI ANCHE—>La pizza del sabato sera! Il trucco per un impasto veloce di pochissime ore per gustarsi…