Depistaggio Borsellino, la prima volta del figlio Manfredi in aula

(dall’inviata Elvira Terranova) – Manfredi Borsellino arriva in aula poco dopo le due del pomeriggio, accompagnato da un amico. Per la prima volta nella sua vita, il figlio del giudice Paolo Borsellino, partecipa al processo sul depistaggio sulla strage di via D’Amelio che vede alla sbarra tre poliziotti, Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, tutti accusati di concorso in calunnia aggravata dall’avere favorito Cosa nostra. Manfredi Borsellino, vicequestore aggiunto della Polizia di Stato, entra nell’aula bunker e si siede accanto al cognato, l’avvocato Fabio Trizzino, marito di Lucia Borsellino. Il legale è pronto per l’arringa per la parte civile nel processo sul depistaggio sulla strage di via D’Amelio. Ma, alla fine, l’intervento dell’altro legale, l’avvocato Giuseppe Scozzola, che assiste uno degli innocenti condannati all’ergastolo, va per le lunghe, finisce poco dopo le 18, e l’intervento dell’avvocato di parte civile della famiglia Borsellino viene rinviato alla prossima udienza, venerdì 20 maggio. A pochi giorni dal trentesimo anniversario della strage di Capaci. Manfredi Borsellino chiacchiera con il cognato, con l’amico Umberto, che lo ha accompagnato da Palermo a Caltanissetta, e con alcuni cronisti, ma – come sempre – non rilascia dichiarazioni. Resta…