Denise Pipitone, l’appello dell’avvocato Frazzitta a Messina Denaro

Dopo la cattura di Matteo Messina Denaro sono arrivate a sorpresa le parole di Piera Maggio e di Pietro Pulizzi, i genitori di Denise Pipitone, la bimba scomparsa nel 2004 a Mazara del Vallo: da allora non c’è traccia di lei e la famiglia non si è ancora arresa. Vuole la verità sulla bambina, continua a cercarla e sui social è partito un appello proprio a Matteo Messina Denaro: “Ci appelliamo a dei sentimenti forse assopiti, al vero senso dell’essere un genitore amorevole. Stato, magistrati, chiedete al boss Matteo Messina Denaro se sa dov’è la nostra Denise. Noi siamo convinti che se decidesse di fornire la risposta alla nostra domanda, metterebbe fine al nostro calvario. Piera Maggio e Pietro Pulizzi”.

Non hanno nulla in comune Denise Pipitone e Matteo Messina Denaro: eppure la famiglia della bambina sui social ha fatto una richiesta ufficiale. Secondo loro, potrebbero esserci degli sviluppi alla luce dell’arresto dell’uomo, avvenuto il 16 gennaio in una clinica di Palermo dove era in cura per un tumore. “La nostra richiesta non è per accusarlo di qualcosa. Denise ha potuto dare fastidio anche su altri fronti, non è scontato ma è fattibile che qualcuno abbia voluto sapere. Credo che adesso il senso sia abbastanza chiaro”.

Leggi anche: Matteo Messina…