da solo dirige, allena, sorride e motiva- Corriere.it

di Massimiliano Nerozzi

Massimiliano Allegri, il tecnico bianconero, rimasto da solo al comando: Sono aziendalista, ma non chiamatemi manager che mi viene da sorridere. La carica? Mai perdere di vista l’obiettivo

Da buon allenatore (della squadra) e ancor miglior difensore (della societ), Massimiliano Allegri ha evitato la terza batosta consecutiva alla Juve, dopo il meno 5 di Napoli e il meno 15 di Roma. Tre a tre con l’Atalanta e, soprattutto, un’arringa scoppiettante. Se, per mestiere, l’a.d. Maurizio Scanavino deve mostrare moderazione, i tifosi avevano anche bisogno di irrisione. Anche solo di una presa in giro, con ironia, per chi sta attaccando, pi o meno giustamente, la squadra del cuore. Cos, Allegri ha iniziato appena finita la sfida, davanti alla mise di Mattia Grassani, in tv: Ho sentito l’avvocato che molto bravo e soprattutto complimenti alla cravatta, che meravigliosa. Quel celeste l, con questo nodo. Tra parentesi, ma non troppo, l’ormai storico legale del Napoli, proprio in ambito sportivo.

Da l in poi, l’allenatore bianconero non s’ pi fermato: di corto muso dentro al campo, di largo sorriso fuori. Sono di Livorno e nella nostra ironia diciamo anche delle verit. E ancora: Solo noi potevamo inventare una roba di Modigliani falsa,…