Cristiani, ecco perché fa comodo ignorare la strage – Libero Quotidiano

Antonio Socci

I cristiani perseguitati continuano ad essere, da anni, le vittime più dimenticate e misconosciute. Di loro non si parla nell’“Agenda Progressista del Giornalista Collettivo“. Per l’ideologia politicamente corretta, che è egemone nell’establishment occidentale, sembra che essi neanche esistano come vittime. Eppure sono il gruppo religioso più colpito del pianeta e la loro situazione peggiora di anno in anno. A documentare questa tragedia e ad aggiornare i dati, confatti e testimonianze, provvede il “Rapporto” puntualmente redatto dalla Fondazione pontificia “Aiuto alla Chiesa che soffre”, che, nella sua ultima edizione, ha un titolo molto eloquente: “Perseguitati più che mai. Rapporto sui cristiani oppressi per la loro fede 2020-2022”.
Il Rapporto di quest’ anno si apre con due testimonianze.

La prima è quella di padre Abayomi, viceparroco della chiesa di San Francesco Saverio a Owo, nello Stato nigeriano di Ondo, che è stata attaccata il 5 giugno 2022, durante la Messa di Pentecoste (40 vittime e decine di persone gravemente ferite). Dopo aver raccontato le terribili ore dell’attacco, il sacerdote scrive: «La pubblicazione di Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) è di vitale…