Criptovalute, 100 milioni «spariti» tra il Veneto e Dubai- Corriere.it

«Ho ricevuto minacce di morte e rapimento … Sono andata a denunciare alla polizia postale … Christian? Abitavamo insieme da circa un anno a Dubai ma sono rientrata in Italia il 25 giugno … no non lavoravo con lui … non so cosa facesse … la gente mi chiama pensando che io sappia qualcosa … a Dubai avevo una macchina bellissima e una barca bellissima … adesso sono nella mia casa in affitto con la mia vecchia auto … mi chiede se stiamo ancora insieme? Ma lei starebbe insieme a una persona che le ha rovinato la vita?». Lui, Christian Visentini, aveva lasciato la sua bianca villetta di San Fior (Treviso), paesello veneto appoggiato alle colline del Prosecco, per volare a Dubai, stanza 409, quarto piano del Park Towers, grattacielo con centro fitness, piscina, aree barbecue e campo da tennis. E lì, insieme ai soci, l’avvocato romano Emanuele Giullini e Mauro Rizzato, tra un tuffo e una grigliata gestisce gli affari della New Financial Technology (Nft).

Quali affari? Investire in criptovalute il denaro (intorno ai 100 milioni, si dice) che hanno ricevuto da migliaia di persone (non solo venete) ingolosite da promesse di rendimenti mensili al 10% grazie all’utilizzo di un algoritmo magico che monetizza gli scarti di prezzo del bitcoin tra le varie…