Credit Suisse prova a farsi in tre per evitare l’aumento. Il titolo ancora in discesa- Corriere.it

Nuovo momento di incertezza per il Credit Suisse , scossa negli ultimi anni da diversi scandali, starebbe valutando la possibilit di dividere in tre la sua attivit di investment banking, con la nascita di una bad bank, nella quale inserire gli asset pi in difficolt e quindi da valorizzare sul mercato, l’advisory e le operation. E questo, nel tentativo di evitare un aumento di capitale in una fase di mercato molto difficile. quanto ha anticipato il Financial Times. Secondo il quotidiano economico britannico, il numero due del settore bancario svizzero potrebbe creare un’unit che riunisca le attivit destinate alla vendita. Secondo proposte presentate al consiglio di amministrazione, riferisce l’Ft, l’istituto elvetico spera di vendere unit redditizie come quelle legate ai prodotti mobiliari per salvarsi da un dannoso aumento di capitale.

Il cda del 27 ottobre

In base alle proposte presentate al consiglio di amministrazione, si legge sul Ft, Credit Suisse spera di vendere divisioni come l’attivit di prodotti cartolarizzati. Il board dovrebbe svelare la nuova strategia, che comporterebbe anche migliaia di licenziamenti, con una riduzione di circa il 10% dei 45mila dipendenti, in occasione dei risultati trimestrali che saranno resi noti il 27 ottobre. Il board…