Creati i robot viventi autoreplicanti: e adesso?

Nella nostra corsa a Dio abbiamo superato un altro confine: abbiamo creato dei robot biologici che ora si dimostrano essere in grado di riprodursi in modo autonomo. Questi robot viventi sono stati progettati al computer e realizzati da cellule staminali, ed ora è dimostrato che siano in grado di  riprodursi autonomamente,  in una svolta che potrebbe portare a macchine auto-replicanti, gli scienziati hanno detto.

Il progetto era iniziato nel 2020 con l’obiettivo di creare bot vivneti, cioè robot biologici, in grado di sostituire tessuti danneggiati della pelle o degli organi interni.

Gli ibridi  biologico-macchina microscopici, appunto denominati  “Xenobots” erano in grado di muoversi per conto proprio, e rimanere “vivo” per settimane alimentati dalle loro riserve di energia embrionali.

Ora gli scienziati hanno dimostrato che se i xenobots sono posti in una capsula di Petri con cellule staminali embrionali rana, questi spezzano le cellule di rana, le inghiottono e quindi sono in grado di riprodursi in modo autonomo. Abbiamo creato una forma di vita artificiale che si riproduce, anche se solo a determinate condizioni.

Il processo, noto come replicazione cinematico, è stato visto in macchine…