Covid, il Cdm vota all’unanimità l’obbligo vaccinale per gli over 50

Via libera del Consiglio dei ministri al dl con la nuova stretta anti-Covid, che prevede il super green pass per gli over 50 sul posto di lavoro e l’obbligo per chi ha superato la soglia dei 50 anni ed è senza lavoro. L’obbligo resterà in piedi fino al 15 giugno. Dal testo è invece venuta meno la misura che prevedeva di esibire il passaporto vaccinale rafforzato per accedere a servizi e negozi, dopo l’alzata di scudi in Cdm della Lega.

Per andare in banca piuttosto che dal parrucchiere o dall’estetista o nei centri commerciali sarà comunque necessario il green pass semplice. Ovvero l’obbligo -finora non previsto- di essere vaccinati, guariti o in possesso dell’esito di un tampone negativo. Insieme alla norma sull’obbligo l’altra misura sulla quale si punta per “raffreddare” la curva del Covid è nuovamente il ricorso allo smart working.

Il governo, attraverso i ministri per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e del Lavoro, Andrea Orlando, ha firmato una circolare per sensibilizzare le amministrazioni pubbliche. E i datori di lavoro privati a usare pienamente gli strumenti di flessibilità che le discipline di settore già consentono sul ricorso allo smart working. Intanto oggi la curva del contagio ha toccato un nuovo record.