Così il veto di Tajani complica la nomina di Di Maio a inviato Ue nel Golfo

“Niente di personale, ma Luigi Di Maio non è la proposta del nostro governo, ma di quello precedente”. Antonio Tajani lo ripete da giorni in pubblico, ma anche a Bruxelles dove si prenderà la decisione. L’ipotesi che il suo predecessore alla Farnesina sia nominato rappresentante speciale della Ue nel Golfo Persico proprio non va giù al ministro degli Esteri e vicepremier di Forza Italia. Oltre alle dichiarazioni però c’è un lavorìo sotterraneo che sta andando avanti per fare in modo che l’ex capo del M5s salti. Il meccanismo, molto complesso, è pronto a mettersi in moto fra pochi giorni. E la posizione contraria di Tajani pone il governo Meloni davanti a un bivio: è meglio che l’Italia abbia un proprio rappresentante in un angolo del mondo strategico per la questione energetica purchessia oppure è meglio puntare su un uomo di un altro paese? 

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo