così ci guadagna lo Stato»- Corriere.it

A che punto la notte?, verrebbe da chiedersi guardando la traversata dell’automotive italiano verso gli obblighi europei dello stop a benzina e diesel nel 2035. Un documento del ministero dello Sviluppo economico e condiviso nell’ultimo tavolo con sindacati e associazioni di categoria delinea la sfida che abbiamo davanti: nel nostro Paese ci sono 101 aziende su 900 ad alto rischio di chiusura perch specializzate nel powertrain, il modulo dell’auto con la combustione interna destinato a sparire. Valgono 8,5 miliardi e 26 mila addetti, in bilico perch mancano soldi e capacit per riconvertirsi. Al contrario, segnala il ministero guidato da Giancarlo Giorgetti, esistono imprese ad alto potenziale dal momento che lavorano con batterie, connettivit, guida autonoma, ma sono solo 40.

Oggi un autoveicolo tradizionale con motore endotermico composto da 7mila componenti, mentre uno elettrico arriva ad averne un massimo di 3.500-4.000, si prevede che il 40-45% degli occupati italiani, ovvero tra i 110 e i 120 mila lavoratori, saranno impattati dal passaggio all’elettrico. In circa 59mila necessiteranno di corsi di aggiornamento volti al ricollocamento, possibilmente all’interno dello stesso settore di partenza, mentre circa 52mila dovranno riqualificare le proprie…