«Così abbiamo resistito 5 mesi»- Corriere.it

Mancavano gli ultimi documenti, lo scorso 22 febbraio. Ma la nave — la Mv Mustafa Necati, battente bandiera liberiana — era pronta a salpare con 6 mila tonnellate di olio di semi di girasole a bordo. Destinazione Monopoli, Puglia, dove quel carico è arrivato solo 175 giorni dopo: oggi, il 16 agosto. Per più di 5 mesi la Mustafa Necati è rimasta bloccata nel Mar Nero, insieme ad altre centinaia di imbarcazioni, impossibilitata a solcare il Mediterraneo perché nel frattempo, in Ucraina, dal 24 febbraio è in corso una guerra. E in un contesto del genere anche la ripresa di una rotta tradizionale può rappresentare un segnale di pace, come non ha mancato di sottolineare Papa Francesco nel suo Angelus dello scorso 7 agosto per salutare la partenza dai porti del Mar Nero di Odessa e Chornomorsk delle prime 4 navi di prodotti alimentari ucraini grazie all’accordo siglato a fine luglio da Russia, Ucraina, Turchia e Nazioni Unite a Istanbul.

Come sono cambiati i prezzi

Una di quelle navi, oggi, ha finalmente attraccato al porto di Monopoli. Non è la prima ad approdare in un porto italiano: proprio oggi, martedì 16 agosto, è sbarcata a Ravenna la nave cargo «Sacura», che trasporta 11 mila tonnellate di semi di soia mentre il 12 agosto è stata preceduta dalla…