cosa li ha uccisi?- Corriere.it

di Irene Soave

Tonnellate di pesci morti nelle acque del fiume tra Polonia e Germania: centinaia di km di costa interessati. Le prime ipotesi: inquinamento industriale. Ma uno studio indipendente punta il dito sul climate change

Tonnellate di pesci morti a galla nelle acque dell’Oder, il fiume — generalmente considerato pulito — che attraversa Repubblica Ceca, Germania e Polonia per sfociare nel Baltico. Una visione da piaga biblica, che investe centinaia di chilometri di costa fluviale tra la Polonia e due Stati della Germania orientale, il Meclemburgo-Pomerania Anteriore e il Brandeburgo: le autorit dei due Paesi sembrano stentare a coordinarsi nelle indagini sulle cause e anche nella risoluzione del problema, ma concordano nel definire la moria di pesci nell’Oder un disastro ambientale. Centinaia di volontari nelle zone colpite stanno aiutando a rimuovere le migliaia di pesci morti dalla costa. Ma il mistero rimane. Cosa successo?

I media tedeschi, alle prese con il caso dal 28 luglio, hanno ipotizzato un avvelenamento da mercurio, e il governo polacco ha posto una ricompensa di un milione di zloty (220 mila euro) a chi segnali alle autorit eventuali colpevoli di quello che ritenuto uno sversamento in acqua di sostanze chimiche; dalle analisi effettuate…