“Corteo alla Cgil? C’era accordo con Digos”

“C’è stato un accordo”. Lo afferma l’avvocato Carlo Taormina che dopo gli scontri avvenuti alla manifestazione no green pass a Roma difende alcuni dei 12 arrestati tra cui i leader di Forza Nuova Giuliano Castellino e Roberto Fiore. Secondo il legale, lo spostamento dei manifestanti da piazza del Popolo fino alla sede della Cgil sarebbe stato oggetto di un’intesa.

“Al termine della manifestazione in piazza del Popolo, una manifestazione civile e gioiosa con un rapporto splendido tra polizia e persone, c’è stata l’idea di andare a palazzo Chigi. Castellino ha detto ‘non andiamo a palazzo Chigi’ perché temeva che potesse succedere qualcosa. Aronica parlamenta con la Digos, chiedendo ‘andiamo alla Cgil, portateci alla Cgil’. Fanno l’accordo, il cordone di polizia va avanti, loro vanno dietro la polizia verso Villa Borghese. C’è stato un accordo”. Lo afferma, a ‘Non è l’arena’, l’avvocato Carlo Taormina che nell’ambito degli scontri avvenuti alla manifestazione no green pass a Roma difende alcuni dei 12 arrestati tra cui i leader di Forza Nuova Giuliano Castellino e Roberto Fiore.

“E’ stata richiesta l’autorizzazione, mi assumo la responsabilità di quello che dico, sono passati 20 minuti perché si…