Corsa allo spazio, quanto vale per l’uomo (e per l’Italia) la nuova competizione fra miliardari- Corriere.it

blu. Che meraviglia! esclamava il 12 aprile 1961 l’astronauta russo Jurij Gagarin, nato da una famiglia di contadini in un piccolo villaggio, 180 chilometri a ovest di Mosca, quando divenne il primo essere umano a vedere la Terra da lontano. Da quel momento si scaten la corsa alla conquista dello spazio, un’ambizione umana resa possibile dalla rivalit tra Usa e Urss e che oggi sembra riaccendersi, costituendo, come allora, un’opportunit per l’umanit intera.

Come sessant’anni fa, la ricerca legata all’esplorazione spaziale porta con s effetti economici, sociali e tecnologici inaspettati. Oggi per riduzione dei costi e ingresso dei privati potrebbero generare conseguenze ancora pi sorprendenti per l’umanit

La ricerca legata all’esplorazione spaziale degli anni Sessanta e Settanta ebbe tra i suoi effetti la messa a punto di oltre 6mila nuovi prodotti: dai microchip ai cibi liofilizzati, dalle tecnologie mediche come il pacemaker ai telefoni cellulari, dai dopo-sci Moon Boot agli schermi a cristalli liquidi, solo per citarne alcuni. Oggi per le ricadute economiche, tecnologiche e sociali potrebbero essere ancora pi sorprendenti grazie a due nuovi fattori: la riduzione del costo del trasporto in orbita e l’ingresso dei…