“Con Omicron e Delta abbiamo due pandemie”

“In un certo senso abbiamo ‘due pandemie’: una sostenuta da Omicron e l’altra ancora da Delta. Non dobbiamo dimenticare che molti pazienti in terapia intensiva hanno contratto la Delta, che ha continuato a espandersi anche nelle ultime settimane”. Lo dice al Corriere della Sera Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, aggiungendo che “anche all’interno degli ospedali ci sono ‘due pandemie’: una dei vaccinati e una dei non vaccinati. Come si vede dai grafici dell’Istituto superiore di sanità (Iss) che misurano l’incidenza dei ricoveri ogni 100mila abitanti divisa per status vaccinale e classe di età, l’essere vaccinati protegge in un modo importantissimo. Con la terza dose finiscono in terapia intensiva solo persone anziane che hanno altri tipi di malattie associate. La percentuale di non vaccinati in ospedale è altissima, se tutti fossimo vaccinati non ci sarebbe alcun problema di saturazione dei posti letto”.

In merito alle prossime due settimane, prosegue Remuzzi, “se le due varianti dovessero continuare a coesistere, questo potrebbe rappresentare un problema. Se invece Omicron riuscisse a sopraffare Delta, dal momento che la malattia che provoca è meno…