Come utilizzare correttamente l’alluminio in cucina senza rischi: Mai con questi alimenti. Diventano cancerogeni

Alluminio, come faremmo senza? Si tratta di un materiale utilizzato tantissimo in cucina, nei modi e per gli scopi più disparati. Di questo materiale sono fatti pentole, pellicole, vaschette monouso per alimenti, persino caffettiere. Possiamo utilizzarli a cuor leggero, o ci sono delle accortezze da seguire per non correre rischi? L’argomento è piuttosto delicato, al punto che il Ministero della Salute ha promosso una campagna d’informazione rivolta ai consumatori e agli stessi operatori del settore alimentare. Piccola premessa:  l’alluminio in sé non è un materiale che comporta danni alla salute. È il suo cattivo utilizzo, piuttosto, che può comportare rischi.

Alluminio in cucina: la contaminazione dei cibi

Il principale pericolo legato all’utilizzo di alluminio in cucina è legato alla possibile contaminazione del cibo per fenomeni di migrazione da utensili o imballaggi. Come avviene questa contaminazione? Semplice: l’alluminio delle pentole, degli imballaggi o delle pellicole può essere rilasciato negli alimenti con cui va a contatto a causa della temperatura, di una cattiva conservazione, della stessa composizione dell’alimento.

Il rischio tossicologico

Come sottolinea lo stesso Ministero della Salute, nei soggetti sani il rischio tossicologico…