“Chi consegna l’Italia alla Destra è Letta”

In un precedente intervento a Lavori in corso, il Professor Paolo Becchi aveva ipotizzato che lo strappo tra Partito Democratico e MoVimento 5 Stelle non fosse necessariamente definitivo, ma che invece Letta e Conte potessero essersi dati ‘appuntamento’ a dopo le elezioni: nel caso in cui il Centrodestra non raggiungesse la maggioranza assoluta, a quel punto i due potrebbero rimettersi insieme. Ipotesi oggi ventilata anche da Goffredo Bettini su Il Corriere della Sera. Segno che quella di Becchi non fosse solo una boutade.

Secondo il filosofo, “Il problema è che i due fanno i conti senza l’oste perché partono dal presupposto che la coalizione di Centrodestra non abbia successo e che il Presidente della Repubblica possa dare l’incarico al primo partito, nell’ipotesi che Letta riesca a vincere anche di pochissimo contro Giorgia Meloni. A quel punto, si riformerebbe il Governo con il M5S. Ma questa è un’ipotesi che non si verificherà perché il Rosatellum, la legge elettorale attuale, premia le coalizioni. Nelle elezioni precedenti questo non ha funzionato perché il M5S ha ottenuto un risultato che non era stato previsto da nessuno, e questo ha fatto sì che il Rosatellum abbia finito per non funzionare, ma il fatto che non abbia funzionato una volta non…