Che cosa sta succedendo in Perù e perché ci sono gli scontri

Gran parte del Sudamerica ribolle sotto un’ondata di proteste, violenze, sangue e morti. Non c’è solo il Brasile, alle prese con chiari tentativi golpisti. Freme l’Ecuador, prigioniero delle bande di narcos; si rivolta la Bolivia per le storiche e mai sopite tensioni tra popolazione indigena e borghesia bianca. Fatica la Colombia a trattenere le azioni della narcoguerriglia; torna a infiammarsi il Perù che dopo 33 giorni di sommosse piange ben 46 morti.