Caso Resinovich, testimone choc “Ho visto Lilly il 22 dicembre”/ “Aveva una borsa…”

E’ stato definito almeno apparentemente un vero e proprio colpo di scena, l’ultimo dettaglio emerso nell’ambito del giallo sulla morte di Liliana Resinovich, il cui giallo è stato affrontato in un’ampia parentesi nell’ultima puntata de La vita in diretta. Una testimone avrebbe riferito di aver visto Liliana il 22 dicembre e poi di essere andata in questura a denunciare quanto aveva visto solo il 27 dicembre. La donna, come spiegato dall’inviata del programma di Rai1, avrebbe detto di aver visto Liliana nella zona dell’Ospedale Maggiore che si trova a circa 3 chilometri dal luogo in cui il corpo di Lilly è stato rinvenuto cadavere solo il 5 gennaio scorso.

La donna è convinta di aver visto Liliana quella mattina – nonostante fosse scomparsa il 14 dicembre – e ha svelato che portava con sé una sacca color tortora a tracolla, aspetto finora inedito dal momento che si era sempre detto che la donna avesse lasciato la borsa a casa. La teste in questione sarebbe assolutamente convinta di aver riconosciuto la Resinovich, esattamente 8 giorni dopo la sparizione di Liliana.