caso clamoroso – Libero Quotidiano

Giallo su un video pubblicato mercoledì scorso dalla presidente della commissione europea Ursula von der Leyen. Si tratta di un filmato attraverso cui la presidente chiedeva l’istituzione di un tribunale speciale per indagare sui crimini di guerra russi in Ucraina. Il mistero riguarda il tredicesimo secondo del video, quando la von der Leyen prima parla degli “orrori di Bucha” e poi menziona le perdite subite finora dalle forze ucraine: “Si stima che fino a oggi siano stati uccisi più di 20mila civili e oltre 100mila militari ucraini”.

 

 

 

Verso sera il video scompare e al suo posto c’è un altro filmato in cui la parte dedicata al numero di vittime ucraine scompare del tutto.  Cos’è successo a quei dieci secondi tagliati? L’ipotesi è che ci sia stata un po’ di irritazione da parte di Kiev. Cosa poi confermata da Oleksij Arestovich, uno dei consiglieri del presidente Zelensky, che ha accusato la von der Leyen di diffondere cifre sbagliate. Di qui l’invito a rettificare, visto che le perdite subite da Kiev sarebbero – a suo dire –  “poco più di diecimila”.

 

 

 

Ma dove sta la verità? Quante sono…