Caso Calenda, l’ironia di Meloni e Salvini. Ma Azione ora è un’insidia- Corriere.it

di Marco Cremonesi

FdI sugli avversari: «Telenovela». Il leghista: come Stanlio e Ollio. Candidature, ancora lontana l’intesa sui collegi uninominali

Il centrodestra se la ride. Una buona parte dei commenti e delle dichiarazioni, ieri irridevano le difficoltà di costruzione del centrosinistra e in modo particolare l’addio di Carlo Calenda a Enrico Letta. A partire da Giorgia Meloni: «Nuovo colpo di scena nella telenovela del centrosinistra — scrive sui social la leader di FdI —. Calenda ci ha ripensato e non si sposa più con Letta, forse scappa con Renzi. Letta mollato sull’altare pensa ora al suo vecchio amore, mai dimenticato, Conte. Il gran finale di stagione tra 7 giorni, quando scadrà il termine per la presentazione delle alleanze. Nel frattempo, nel mondo reale famiglie e imprese lottano contro crisi economica e caro vita». Matteo Salvini, senza commentare, posta la foto dei leader di Pd e di Azione che firmano il patto di qualche giorno fa sopra a quelle di Stan Laurel e Oliver Hardy, gli intramontabili Stanlio e Ollio. Le due immagini sono unite da un cuore infranto.

Poi, è raffica. Per rimanere ai titoli delle agenzie, gli azzurri Renato Schifani («Ormai a sinistra le parole decenza e coerenza sono state cancellate dal vocabolario»),…