Casa in affitto, la sfida del 4%: da Milano a Roma i quartieri dove rende più del Btp

Il confronto tra il Btp e la casa in affitto: chi rende di più?

Investendo su un Btp a otto anni, la stessa durata di un contratto di locazione residenziale a canone libero, oggi si ottiene il 4% netto. Impiegando gli stessi soldi in una casa da affittare si riesce a guadagnare di più? Questa è la domanda cui cerchiamo di rispondere mettendo a confronto con quello del titolo di Stato il rendimento che si ricava partendo dai prezzi e gli affitti delle case richiesti a fine ottobre nelle otto principali città italiane, ricavabili dal sito immobiliare.it.

Per la nostra simulazione abbiamo considerato i valori medi di acquisto delle abitazioni nelle zone monitorate dalla piattaforma, abbassandoli del 20%. E i valori medi, senza alcuna correzione, dei canoni di locazione, per case di 75 metri. Abbiamo ridotto il valore delle abitazioni per due ragioni: la prima è che chi compra per investire puntando alla redditività immediata dell’immobile acquista abitazioni usate non di pregio, e quindi a prezzo più basso di quello medio, la seconda è che i prezzi di offerta sono sempre trattabili e le transazioni si fanno nella stragrande maggioranza dei casi a prezzi inferiori a quelli richiesti.

LEGGI ANCHE:
– Quanto rende l’affitto? Ecco i quartieri dove si incassa più del 4%…