Caro bollette, perché stiamo pagando i pregiudizi sulla transizione energetica- Corriere.it

Si fa presto a dire energia pulita. Contare solo sulle fonti rinnovabili , per ora, un lusso che sostanzialmente solo i Paesi ricchi possono permettersi, e forse nemmeno loro. Rinunciare alle fonti fossili al momento parecchio difficile. Lo scrive Ferruccio de Bortoli che sull’Economia del Corriere della Sera, in edicola domani gratis con il quotidiano, analizza il caro bollette e quelli che chiama i pregiudizi sull’energia.

La partita verde

Quando si rischia di restare al freddo, o di dover pagare troppo il combustibile, i destini del pianeta passano inevitabilmente in secondo piano, nota de Bortoli, e cita a supporto i casi del Kazakistan e dell’Indonesia. Nel primo Paese la rivolta popolare stata scatenata anche dall’aumento dei prezzi del gas, di cui l’ex repubblica sovietica grande produttrice. Il seconda ha deciso di vietare (mai accaduto) l’esportazione di carbone pur essendo ricco di miniere. Ma ne ha troppo bisogno. Morale: La sensibilit ecologica direttamente proporzionale al nostro grado di benessere.


Chiaro che sullo sfondo c’ la querelle sul nucleare che, pur ripulito nelle nuove versioni verdi, tornato a dividere l’opinione pubblica. Scrive de Bortoli: L’ultimo paradosso quello di Paesi, come il nostro, che non vogliono pi…