Carceri, a breve due nuove Rems nel Lazio. Garante: “Sistema funziona”

Funziona il sistema delle Rems, le residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza, del Lazio. E la prospettiva “è di crescita”. A dirlo il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale della Regione Lazio, Stefano Anastasia, la cui competenza è stata estesa anche su tutte le persone ristrette o interdette ospiti delle Rems, secondo le nuove norme introdotte dal Collegato alla legge di Stabilità 2022 recentemente approvato dall’Aula della Pisana. “Una formalizzazione di impegni che in parte già c’erano – spiega all’Adnkronos Anastasia – Con la legge regionale 31 del 2003 le Rems ancora dovevano nascere, ora grazie a una sua modifica è stata ufficializzata la competenza del Garante anche alle residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza, ma in realtà il nostro Ufficio se ne è sempre occupato. Tra l’altro, io sono stato nominato Garante nel 2016 quando nel Lazio erano state appena realizzate le prime Rems e ho seguito tutto il loro percorso. Oggi sono sei quelle attive, con una prospettiva in tempi brevi di averne almeno un altro paio. Complessivamente accolgono oggi 87 ospiti. Inizialmente erano 91 i posti letto nelle Rems laziali, oggi siamo arrivati a 106. Va ricordato che la nostra è la Regione che ha il maggior numero…